Atlantide l'isola leggendaria

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Atlantide l'isola leggendaria

Messaggio Da Haryn il Lun Gen 19, 2015 4:39 pm

Atlantide (in greco Ἀτλαντὶς νῆσος, "isola di Atlante") è un'isola leggendaria, il cui mito è menzionato per la prima volta[1] da Platone nei dialoghi Timeo e Crizia nel IV secolo a.C..

Secondo il racconto di Platone Atlantide sarebbe stata una potenza navale situata "oltre le Colonne d'Ercole", che avrebbe conquistato molte parti dell'Europa occidentale e dell'Africa novemila anni prima del tempo di Solone (approssimativamente nel 9600 a.C.). Dopo avere fallito l'invasione di Atene, Atlantide sarebbe sprofondata "in un singolo giorno e notte di disgrazia".



Gli egiziani, affermava Platone, descrivevano Atlantide come un'isola composta per lo più di montagne nella parte settentrionale e lungo la costa, "mentre tutt'intorno alla città vi era una pianura, che abbracciava la città ed era essa stessa circondata da monti che discendevano fino al mare, piana e uniforme, tutta allungata, lunga tremila stadi [circa 555 km] sui due lati e al centro duemila stadi [circa 370 km] dal mare fin giù. [...] a una distanza di circa cinquanta stadi [9 km], c'era un monte, di modeste dimensioni da ogni lato[7] [...] L'isola, nella quale si trovava la dimora dei re, aveva un diametro di cinque stadi"[8] [circa 0,92 km].



dal sito http://it.wikipedia.org/

Da una canalizzazione dell'Arcangelo Metatron, ecco l'intera storia di questo magnifico continente.
Molti di noi...Semi Stellari risvegliati, abbiamo vissuto in quell'isola. Auguro ad ognuno di voi che i vostri ricordi delle vite vissute ad Atlantide riemergano alla vostra Coscienza...perchè la magnificenza e lo sviluppo energetico vissuto a quel tempo dona speranza, profonda Fede e gioia.


Il risveglio del Cristallo Atlantideo e la caduta di Atlantide

Traduzione  di Monica

Salve, Maestri, Io Sono l’Arcangelo Metatron, Signore della Luce!

Eccoci nuovamente a parlare del mega vortice nascente dell’Arkansas, il portale della frequenza quantica cristallina. Perché ora, nel 2008, questo vortice volteggia in tutta la sua globale prominenza con l’apertura del blocco dimensionale che tratteneva la saggezza cristallina atlantidea, quella dell’Età d’Oro di Atlantide, quella della frequenza superiore raggiunta sul vostro piano terrestre.

In verità l’ora è ormai giunta e nell’anno in corso avrà inizio l’attivazione dei grandi Cristalli Atlantidei, conservati per oltre 12.000 anni nel sigillo dimensionale all’interno del complesso magnetico dell’Arkansas. Molti di voi verranno chiamati a prendere parte all’inaugurazione, perché di fatto vi trovavate là come testimoni del diluvio ed alcuni di voi anche del successivo spostamento di questi sorprendenti Cristalli Maestri Atlantidei verso questa ed altre aree.

I tre Cristalli Atlantidei di Sapienza e Guarigione, che un tempo risplendevano di splendida luce e di energia celestiale nel Tempio della Guarigione, nel Tempio dell’Uno e nel Tempio della Conoscenza a Poseida, vennero bloccati a livello dimensionale e collocati nei Campi del Cristallo Atlantideo dell’Arkansas. Il primo di questi verrà risvegliato nel 2008, ed allineato agli altri Cristalli Atlantidei inattivi del Brasile, del Monte Shasta, di Bimini e del Lago Titicaca.

In verità essi energizzeranno il Disco Solare Aureo collocato in Arkansas e si allineeranno ai 12 schemi dello stesso in tutto il pianeta. Molti sono chiamati, e molti parteciperanno a questo risveglio, come parte di un antico contratto, una  promessa sacra il cui tempo è finalmente giunto. Molti si trovano già lì, essendo stati chiamati a vivere all’interno del vortice cristallino che completerà la sua collocazione nel 2012. E lo stesso accadrà nel solstizio d’estate nel 2008, quando sarà risvegliato il primo cristallo.

Non sta a voi attivare i cristalli, non sta a voi ancorare il vortice, ma sta a voi allineare voi stessi all’interno di questo completamento, all’interno di questa attivazione, all’interno di questo ancoraggio celeste del campo quantico cristallino. Molti della Legge dell’Uno saranno chiamati. Maestri, avete atteso a lungo tutto questo, ascoltando la chiamata. I cristalli Originali di Atlantide aprono un arcobaleno di accessi dimensionali che accelera la vostra personale Ascensione planetaria.

In realtà potreste accedere etericamente alla benefica energia e alla saggezza del Cristallo Blu della Conoscenza in apertura. Non occorre affatto che vi troviate lì con il vostro corpo fisico all’interno del vortice dell’Arkansas per ricevere e prendere parte a questa attivazione. Anzi sarà vantaggioso per coloro che riceveranno la chiamata visitare il vortice e percorrere i campi di cristallo. Quelli tra voi che sceglieranno di visitare le sacre miniere, riusciranno a trovare un cristallo personale imbevuto dell’energia dell’Età d’Oro di Atlantide. Infatti il permesso è stato accordato e i cristalli si offrono a voi per questo e per molteplici altri scopi.

Questi guardiani di Sirio B, stanno approntando lo scenario proprio in questo momento, e attendono che voi li seguiate. Inviate la vostra energia, inviate la vostra luce e l’intento del bene supremo a quello che viene chiamato il Cristallo Blu Originale della Conoscenza. Un tempo questo regnò con sapienza e luce nel Tempio della Conoscenza, così molti di voi lo rivedranno chiaramente con l’occhio della mente, anzi lo sentiranno nel proprio cuore, tra lacrime di gioia.

E’ al di sotto della Terra, al di sotto del centro della corona del Vortice, chiamato Talimena Ridge, in un abisso sacro, costruito tempo fa. Il Cristallo Blu della Conoscenza raggiunge un’altezza di quarantotto piedi di altezza ed  un diametro  dodici piedi [ndt 1 piede = 30,48 cm]. Esso emette ed irradia un arcobaleno argentato, turchese e blu cobalto mentre si attiva nel sacro accordo. Possiede la sapienza multidimensionale e la conoscenza delle ere. Attende questo risveglio da tempo predestinato, dall’interno dell’Arca sacra.



L'Età dell'Oro

Miei Cari, questi cristalli furono salvati dalla distruzione, ed ora a voi viene offerta la memoria del perché. Perché tali splendidi cristalli si offrono ad ognuno di voi completamente. L’espansione, il sacro completamento riguarda TUTTI! E’ tempo di ricordare chi eravate, al fine di divenire tutto ciò che siete in questo tempo di risveglio, questo ritorno al Campo Quantico Cristallino.

Sapete che Atlantide è esistita per oltre 200.000 anni. La vasta maggioranza delle epoche atlantidee furono epoche di luce! Solo la fase finale, il periodo dal 17.500 a.C. al 10.500 a.C. fu, secondo le vostre conoscenze, un’epoca buia, ma ricca di insegnamenti.

Vi diremo infatti che il Periodo d’Oro di Atlantide costituì il livello più elevato di Coscienza di Luce mai raggiunto sul Piano Terrestre da qualunque civiltà avanzata; superiore a Lemuria, superiore a Mu, superiore a Rama, superiore a Ignacious. E’ divenuto alquanto di moda considerare Lemuria come la civiltà utopistica, ed anche se raggiunsero una fase relativamente breve di coscienza elevata, gran parte di coloro che vissero in quell’epoca non abitavano realmente dei corpi fisici, ma si trovavano in uno stato eterico simile ai deva, e non affrontavano le difficoltà implicite nello stadio fisico terrestre. Di fatto Lemuria non raggiunse mai il livello altamente avanzato esistente nella Fase d’Oro di Atlantide dal 40.000 a.C. a 18.000 a.C. Un tempo nel quale gli Dei camminavano in mezzo agli uomini, e ognuno trovava la sua gioiosa espressione. Era l’epoca santificata in cui molti di voi camminarono come Bambini delle Stelle, e successivamente scelsero la biologia e la lezione dei cicli di reincarnazione sul Pianeta Blu chiamato Terra.

Perciò quando considerate Atlantide, NON ricordate solamente la sua triste fine! Non fu che una breve fase del magnifico mondo antidiluviano, eppure non dobbiamo dimenticare che si può imparare molto dalla fase finale, e Miei Cari, ora è tempo di ricordare.



L'ologramma atlantideo

Quindi parliamo dell’Atlantide maestosa di un tempo, e parliamo a ognuno di voi, perché Atlantide è una grandiosa lezione olografica, per coloro per i quali è giunto il tempo, perché la memoria di Atlantide non è solo una guarigione. Di fatto, per alcuni è una guarigione essenziale, una purificazione necessaria, ma per altri è anche una responsabilizzazione benefica. Essa ricorda un tempo in cui camminavate nella conoscenza. Indipendentemente dai vostri molteplici ruoli in Atlantide, Miei Cari, il 70% di tutti voi  sul pianeta in questo periodo visse fisicamente lì, e ora Atlantide vi chiama.

E la chiamata non è solo per quelli di voi che appartengono alla Legge dell’Uno, è equamente destinata agli Ariani, i Figli di Belial. Di fatto molti di voi sperimentarono vite in entrambe le ideologie. La cosa vi sorprende?



Il diluvio del 17.500 A.C. - La spirale discendente della fase finale

Il periodo si colloca dopo il secondo diluvio, quando l’utopistica Età d’Oro passò e Atlantide fu suddivisa in 5 isole. Le tre isole maggiori erano conosciute con il nome di Poseida, Aryan e Og. Le due isole minori erano governate da Aryan, ed erano conosciute con il nome di Atalaya ed Eyre. E quindi nei giorni successivi al secondo crollo di Atlantide, il governo benevolo del regno mutò in confederazione, in governi stato, come voi li definite, che presiedevano ogni isola. Un’aristocrazia di classi si evolse in due ideologie contrapposte. I suoi due principali componenti erano la “Legge dell’Uno”, ubicati prevalentemente sull’Isola di Poseida e “I Figli di Belial” ubicati sull’Isola di Aryan. L’isola di Aryan, che esercitava la sua influenza ed il controllo politico su Og, Atalya ed Eyre, era quella più densamente popolata.

Poseida costituiva il complesso planetario vortice-portale più potente al tempo di Atlantide. Il raggruppamento di Poseida e l’isola ospitavano il Tempio della Guarigione, il Tempio del Suono, il Tempio dell’Uno, il Tempio della Rigenerazione, e il Tempio della Conoscenza. Poseida ospitava gran parte dei maggiori centri di insegnamento superiore. Questi erano collocati a Poseida a ragione della sua ubicazione vantaggiosa all’interno delle griglie geodetiche e della sua vicinanza alle energie elettromagnetiche benefiche che dal nucleo della Terra si irradiavano a spirale verso l’esterno. A Poseida affiorò una sorgente di guarigione incredibilmente potente, vicino al Tempio della Guarigione, e la sua notizia generò il mito della “Fonte della Giovinezza” tramandata dalle popolazioni indigene della Florida. Scorre tuttora negli oceani vicino a Bimini.

I più alti, la razza d’oro di Atlantide, di origine pleiadiana, quelli la cui statura raggiungeva in media i 10-12 piedi [ndt all'incirca da 305 a 365 cm], crearono il loro centro a Poseida,. Era una razza gentile di giganti, dedita a a passatempi artistico-culturali ed educativi nel cuore di Atlantide. Poseida costituiva inoltre la sede centrale ed il nucleo della griglia energetica cristallina ed il sistema del tunnel interdimensionale. Qui si potevano trovare i cristalli più evoluti, più complessi e più splendidi. Erano di origine arturiana e siriana, un amalgama vivente di molte forme cristalline imbevuto di una lega di platino e oro. I cristalli erano collocati nei magnifici Templi, alcuni edificati a marmo, altri a fogli cristallini di berillio,, corindone e diamante. Poseida era anche la capitale dell’isola, e fu chiamata Città Smeralda. Gli Atlantidei, con la tecnologia arturiana, avevano perfezionato l’abilità di creare cristalli a crescita accelerata, di ogni struttura ed essenza, all’interno di fondi sotterranei di cristallo nell’Arkansas, in Tibet e in Brasile, tutte colonie atlantidee, alle quali si accedeva attraverso il sistema del tunnel interdimensionale.

In tutta Atlantide, dei cristalli a griglia energetica, chiamati posatori, furono modellati a forma triangolare e collegati attraverso un’asta di rame dorato sotto una cupola sferica che poteva essere orientata per ricevere specifiche onde di energia stellare, solare e gravitazionale. Era questo il sistema utilizzato per energizzare case, uffici, mezzi di comunicazione, e teatri, imprese commerciali, case di cura, scuole e commerci. Il sistema a posatore era ricettivo in ogni struttura mediante unità di cristallo riceventi di svariate dimensioni. Il sistema a posatore poteva inoltre ricevere una luce particolarmente rifratta, incanalandola nel sistema a punti energetici in uso nel sistema del tunnel interdimensionale ed alimentava la luce cristallina nelle correnti terrestri di conduzione per elevare la frequenza nel campo plasmico elettromagnetico semicosciente di energia benefica in grado di trattenere le frequenze spirituali.

Un grande satellite cristallino, chiamato la seconda Luna di Atlantide, fluttuava nel cielo e riceveva, amplificava e rifletteva energia purificata ai cristalli per vari scopi benefici. Questo era utile sia per i posatori sia per i Cristalli Originali utilizzati nei templi. Campi energetici specializzati venivano proiettati nelle aree agricole e  dei cristalli in crescita per amplificare ed accelerarne la crescita, così come nelle università, negli ospedali, nelle scuole, negli uffici, nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro per creare un senso di benessere e di invigorimento per i lavoratori e gli studenti. Parleremo ulteriormente di questa “seconda luna” più avanti in questa relazione.

Ora, i Templi erano sorprendenti opere di geometria sacra e di stupefacente architettura. Molti dei grandi templi erano racchiusi in una cupola di luce cristallina proiettata ed amplificata simile ad  un campo di forza brillante. Essi erano di svariate tinte e risplendevano giorno e notte. Venivano modificati a seconda dello scopo del complesso del tempio. Alcuni templi proiettavano cupole e campi di luce vibrazionale e frequenze sonore riecheggianti che amplificavano i sensi e i chakra; altri ampliavano la capacità di apprendimento ricettivo della mente, ed altri ancora consentivano la coscienza, la comunicazione e il trasporto multidimensionali. Inoltre durante l’Età d’Oro di Atlantide  gran parte delle principali città era sovrastata da cupole energetiche cristalline di campi energetici.

Dopo il secondo diluvio, solamente la capitale di Poseida riuscì a mantenere una cupola completa di energia cristallina, di un incredibile colore verde smeraldo.

Nel periodo antecedente al diluvio del 17.500 a.C., gran parte delle principali città, inclusa Meruvia, la capitale di Aryan, presentavano cupole di energia simili nel loro perimetro. Quella di Aryan era di una tinta leggermente rosso rubino.

Nell’Età d’Oro di Atlantide, le Piramidi erano a tre e a quattro lati, a seconda del loro utilizzo e generalmente erano fatte di marmo, granito e cristalli complessi. Le piramidi a tre lati venivano utilizzate come antenne per dirigere ed amplificare le energie ed incanalarle nella griglia del posatore per energizzare le case, le fabbriche e creare campi energetici di svariata utilità. Il satellite cristallino veniva utilizzato per riflettere le onde energetiche stellari angolate in queste griglie a forma triangolare. Vi erano oltre 100 griglie piramidali triangolate in tutto il pianeta. Esse costituivano una rete a griglia emisferica di energia cristallina ed elettromagnetica che ripartiva le aree di Atlantide, dell’America, dell’Africa, dell’Europa Mediterranea e del Sud America in differenti centri demografici per energizzare i centri popolati, e modulare i modelli climatici e le maree. Anche le aree della Mongolia e del Tibet, collegate da tunnel interdimensionali energetici, facevano parte di questo complesso. Tuttavia i raggruppamenti maggiori si trovavano nelle terre natie di Atlantide.

Le piramidi a quattro lati erano essenzialmente complessi di templi costituiti da ottaedri pieni e utilizzati a scopo spirituale e di guarigione, apprendimento, rigenerazione. Questi non erano triangolari, e generalmente erano situati sulla cima delle colline o lungo le coste per ricevere le energie sia telluriche sia celesti. Le terre al di sotto del piano centrale erano scavate per consentire la costruzione a ottaedro della piramide discendente, così da collegare energeticamente il sopra al sotto.

La fazione della “Legge dell’Uno” di Poseida era costituita da persone devote e spirituali che cercavano l’uguaglianza tra la gente e la comunione con l’Unità. Anche se gran parte della tecnologia e della qualità della vita andò perduta nei precedenti due crolli di Atlantide (il primo nel 58.000 a.C., il secondo nel 17.500 a.C.), la tecnologia mantenne comunque un livello avanzato. Eppure l’armonia sperimentata nell’Età d’Oro atlantidea sperimentò una discesa a spirale dopo la frammentazione in isole del 17.500 a.C. in quanto tali isole si svilupparono come entità governative separate, che portarono ad ideologie molto differenti nel periodo, inizialmente caotico e difficoltoso, di ricostruzione subito dopo il crollo.



Poseida e gli Atla-Ra

Una setta di sacerdoti scienziati altamente disciplinata ed evoluta deteneva la sapienza tecnica e la capacità di gestione delle griglie energetiche di cristallo. La vasta maggioranza degli Atla-Ra era costituita da una razza d’oro di alta statura, ma vi erano anche membri di razze bronzee, bianche, bruno lemuriano e ceteane. A quel tempo vi erano ancora esseri delfini ceteani che camminavano su due gambe, comunicavano verbalmente e respiravano aria in maniera simile all’uomo. La setta dei sacerdoti scienziati era quella degli Atla-Ra. Gli Atla-Ra seguivano ancora gli standard della coscienza elevata ed erano in grado di mantenere la propria vibrazione a frequenze di coscienza molto elevate, a livello della dodicesima luce e dell’energia dimensionale e al di sopra di questo, rimanendo molto puri e in risonanza con il vero concetto di “Unità” del Creatore/Dio. Essi sostenevano un elevato contatto dimensionale-telepatico con lo spazio sviluppato dei fratelli delle Pleiadi, di Arcturius, Andromeda e Sirio.

I Sacerdoti di Atla-Ra erano altamente venerati ed erano tradizionalmente separati, al di sopra dei controlli governativi e svincolati da essi, e mantenevano perciò la conoscenza e la gestione tradizionale della tecnologia del cristallo in gran parte nelle mani sapienti e benefiche della setta, sebbene venissero inclusi dei tecnici e degli ingegneri del cristallo del popolo di Poseida che non appartenevano alla setta di Atla-Ra. Il Sacerdote Scienziato di Atla-Ra era sia uomo sia donna ed era in grado di compiere grandi azioni, sia attraverso la rigenerazione del potere mentale sia mediante la tecnologia stessa nel Tempio del Ringiovanimento. Molti trascorsero vite nella stessa biologia per 6.000 anni, alcuni sino a 12.000! Così attraverso questa sacra setta la tecnologia veniva preservata. Vi facevano parte molte anime brillanti. Le entità da voi conosciute come Galileo, Isaac Newton, Einstein, Tesla, Edison, Marcel Vogel, Ronna Herman e DaVinci erano degli Atla-Ra. Tyberonn e Oneronn fecero parte di questo gruppo di sacerdoti scienziati, che vissero esistenze molto lunghe.

Molti di voi, in particolare i vostri artisti, hanno un ricordo maestoso della capitale di Atlantide situata nella regione di Poseida. Era denominata Città Smeralda grazie alla cupola che emanava una luce verde scintillante. Alcuni dei vostri artisti infatti hanno eseguito delle interpretazioni molto accurate della città. Era una graziosa meraviglia dell’architettura, della cultura e dell’ingegneria, ben oltre la metropoli più bella mai esistita sul vostro pianeta. Mozzava il fiato. Inoltre, la città, chiamata  Poseida, come lo stato, era costituita da una serie di mura concentriche ed era circondata da fluenti canali verde mare. Era colma di Templi dalla splendida architettura, di Università, Teatri e Musei. Proprio nel centro si trovava una collina, e sulla cima vi era il maestoso e sensazionale Tempio di Poseidone, che era visibile da ogni luogo nella sacra città di smeraldo. All’interno del tempio vi era un’enorme statua d’oro del Dio del Mare che lo rappresentava alla guida di sei cavalli alati fatti di platino extraterrestre. La statua era abbellita da preziose gemme di ogni colore e sorta. Il Tempio era ottagonale e lungo ciascuna delle 8 mura erano inserite chiuse convesse dotate di piattaforme per gli stupefacenti cristalli che erano collocati dodici piedi più in alto e risplendevano come diamanti trasparenti. Poseida fu la meno danneggiata delle principali città atlantidee dopo la frammentazione nelle isole, e mantenne ancora una frequenza e una qualità di vita molto elevate.



Aryan e il complesso industriale

Aryan era la più grande delle isole e la più popolata. Aryan era il centro commerciale e deteneva l’influenza maggiore dal punto di vista economico, agricolo e militare. Dopo il secondo diluvio, Aryan fu significativamente danneggiata e l’infrastruttura richiese una fase caotica di ricostruzione. Nel processo, lo stato divenne controllato da una ricca razza “bianca” elitaria, che prese il controllo del potere economico e militare e del governo dello stato isolano, sebbene la maggioranza della popolazione fosse di razza scura o rossa. Da Aryan si sviluppò una corrotta aristocrazia spinta dal potere che cercò di bloccare la “Legge dell’Uno” ed utilizzare la tecnologia di Atlantide per il controllo del mondo, questo attraverso l’utilizzo dell’energia cristallina per gli armamenti, e l’utilizzo della genetica per lo sviluppo ed il mantenimento di una razza inferiore che fungesse da lavoratore e soldato.

L’ingegneria genetica venne collocata a Meruvia, su Aryan. Venne originariamente utilizzata per scopi benefici, per lo sviluppo di veicoli fisici per coloro che si erano incarnati in corpi fisici, mutati in aberrazioni di mezzo uomo e mezza bestia. L’opera genetica venne elaborata e sviluppata su Aryan e fu utilizzata per togliere appendici, artigli, piume, pelli rettiliane e scaglie. Questo veniva fatto nel Tempio della Purificazione, in un certo qual modo un centro di medicina specializzata. Nuovamente, sottolineiamo che durante l’Età d’Oro di Atlantide, la sua utilità è stata molto benefica. Furono compiuti spaventosi progressi genetici ed una grande conoscenza della clonazione e della modificazione di limitazioni fisiche venne utilizzata con responsabilità ed etica.

Nel caotico periodo della ricostruzione, l’ingegneria genetica passò sotto il controllo del gruppo di Belial, e quindi denigrò nell’utilizzo corrotto dell’avidità e del potere. L’ingegneria genetica incominciò ad essere utilizzata per scopi oscuri, per la creazione di una razza di lavoratori-schiavi e di ibridi uomo-animali. Proprio come nella Germania nazista, essa venne veicolata alla masse come sviluppo della “razza pura”. Infatti molti scienziati genetisti furono inizialmente tenuti all’oscuro dell’utilizzo della loro ricerca e dello sviluppo del loro lavoro, fino a quando fu essenzialmente troppo tardi per loro per tentare di fermarli. Alcuni di voi si portano tuttora dentro una grande colpa come risultato di questo lavoro.



La Legge dell'Uno ed i figli di Belial

Questo utilizzo delle classi schiavizzate ottenute mediante l'ingegneria genetica portò alla grande spaccatura tra la Legge dell’Uno e i Figli di Belial, questi ultimi divennero così ingordi e incalliti di ambizioni materiali della macchina industriale da perdere il senso dell’etica spirituale prevalente sul continente di Atlantide nell’Età d’Oro. Vennero letteralmente create centinaia di migliaia di mutazioni ibride per lavorare i campi e i siti delle mostruosità furono ideati da menti controllate che eseguivano automaticamente gli ordini dei loro “padroni”. La società agro-industriale di Aryan divenne molto dipendente da essi. Le anime furono intrappolate in corpi clonati denominati “cose” e “altri” con lobotomie genetiche e capacità sessuali ed emotive annientate. Molti di coloro che furono intrappolati in mostruosi corpi umani o in androgini di intelligenza inferiore portano tuttora quell’orrendo dolore di essere stati imprigionati in involucri fisici che non consentivano loro di avanzare nell’apprendimento, nella crescita spirituale o nell’espressività emotiva.

Per parecchi millenni le due ideologie rimasero  mentalmente chiuse riguardo a questa questione e gli enti governativi rimasero in uno stato di delicato impasse. Gli abitanti di Poseida erano fin troppo colti e gentili di natura per tentare di combattere gli Aryan e tentarono di educarli e di influenzarli spiritualmente per cambiare i loro modi. Gli Aryan, che superavano di numero 3 a 1 gli abitanti di Poseida, non osarono attaccare Poseida per paura che l’energia cristallina che essi possedevano potesse abbattere la nazione.



Guerre coloniali

Nel frattempo scoppiò la guerra tra l’esercito atlantideo comandato da Ariani in quanto le ex colonie di Atlantide situate nelle aree del Mediterraneo ruppero i legami tradizionali e svilupparono i loro governi indipendenti. Le colonie, in particolare quelle greche e turche, videro il cambiamento dall’Atlantide utopistica allo stato militare fascista controllato dagli Ariani e tentarono di scappare. Sebbene gli Ariani fossero  militarmente avvantaggiati, gli stati del Mediterraneo non soccombettero, e le guerre regionali delle colonie imperversarono e nessuna fazione fu in grado di dominare l’altra. Le fazioni all’interno degli Ariani tentarono sempre più di utilizzare l’energia del cristallo per sottomettere l’avversario. Gli Atla-Ra e il popolo della “Legge dell’Uno” di Poseida vi si opposero tenacemente.

Gli Ariani fecero molti tentativi inutili di terrorizzare i Poseidani, tuttavia vennero tutti soppressi. I Poseidani si vendicarono annientando il potere ed opponendosi agli Ariani. Gli Ariani risposero tagliando la fornitura di cibo e di manufatti. Ne seguì una grande impasse.



Il Congresso di unificazione atlantideo

In un grandioso schema ingannevole, mascherato da piano di unificazione, gli Ariani si avvicinarono ai Poseidani con la formazione di un Congresso Nazionale rinnovato per risolvere le loro differenze sempre più tese e ripristinare l’armonia ad Atlantide. Rappresentanti della Legge dell’Uno furono inviati insieme ai rappresentanti dei Figli di Belial. Il Congresso fu formalizzato con un numero equo di rappresentanti delle due parti. Su decisione breve venne santificata una federazione di parti con la promessa di una maggiore armonia. Per parecchie decadi sembrò che la promessa di cambiamento e di miglioramento potesse provenire dal Congresso Nazionale. I Poseidani furono incoraggiati e molti di essi abbassarono la guardia. Gli Atla-Ra rimasero guardinghi riguardo alle motivazioni e presagirono l’inganno.

Inizialmente il Congresso Nazionale migliorò le relazioni e furono avviate molte leggi minori superflue che promettevano unità. Eppure i punti primari di disaccordo, la schiavitù genetica e la gestione dell’energia del cristallo, rimasero irrisolti.

Tuttavia, all’interno dei Figli di Belial si sollevò una leadership ipnotica e carismatica che sedusse le masse di Atlantide facendo credere di essere la risposta per far tornare Atlantide alla sua perduta Età d’Oro di risalto ed abbondanza. I capi di questo gruppo erano anime da voi conosciute come Hitler e Himmler, di fatto il supremo Nazista della vostra Seconda Guerra Mondiale. Si formarono e giunsero all’apice grandi legioni militari occultando la persuasione politica ed il potere. Gli ibridi mutanti furono utilizzati ad Aryan e Og per terrorizzare coloro che si opponevano loro, ed in un’occasione ciò fu tentato a Poseida senza successo.

Il potente contingente ariano era costituito da maestri nella manipolazione e nei mezzi. Essi presentavano argomenti ben elaborati che mascheravano le loro vere intenzioni e promettevano mutuo compromesso. La propaganda sembrò molto fattibile in superficie e convinse molti, compresi i moderati ed alcuni della Legge dell’Uno, del suo anelito d’armonia.

In quella che appariva come una grande opportunità risolutiva, fu proposta una legge dal gruppo di Belial di portare l’ingegneria genetica, finora controllata dallo stato di Aryan, sotto il controllo federale, e in cambio, di portare il sistema dei posatori di cristallo sotto il controllo di un ente governativo. Ne seguì una grande discussione e un dibattito sottoposto a grande scrutinio nazionale. Venne dato un voto, che fallì con la votazione congressuale.



Tradimento

Tuttavia, un convincente compromesso venne offerto dall’astuta leadership di Belial, che consentì l’approvazione della legge nella quale si evinceva che il consiglio costituito da 5 Poseidani e 4 Ariani avrebbe diretto un nuovo ente governativo per il controllo federale dell’Energia Cristallina. Il fatto che alla Legge dell’Uno fosse stato affidato un controllo del consiglio apparentemente di maggioranza fece sembrare il piano molto promettente al popolo di Poseida. La legge accordò che nessun cambiamento venisse attuato senza il consenso della maggioranza del consiglio, tuttavia incluse la clausola secondo la quale mentre gli Atla-Ra sarebbero rimasti in posizioni dipartimentali di preminenza, non sarebbero più stati esenti da controlli governativi. Venne incluso un programma formativo che avrebbe permesso agli ingegneri di ambo le parti, al di fuori degli Atla-Ra,  di formarsi ed apprendere l’ingegneria complessa.

Inizialmente, a dispetto dell’accortezza degli Atla-Ra, il sistema parve funzionare apportando una maggiore armonia.

Tuttavia, trascorsi due anni, le guerre nel Mediterraneo infuriarono nuovamente e si diffusero, e le colonie ribelli parvero guadagnare terreno. Crebbe la pressione  per l’utilizzo bellico dei raggi di cristallo sotto forma di sicurezza nazionale. Vennero programmati la discussione, il dibattito ed il  voto per il Consiglio Direttivo. La sicurezza nazionale fu propagandata ed una sensazione squilibrata di manipolato patriottismo travolse la terra.

Poi entrò in azione la falsità. Scioccando profondamente e mortificando i Poseidani, uno dei membri del Consiglio della Legge dell’Uno cambiò la propria posizione. Non apparteneva né agli Atla-Ra né alla razza aurea. Si era affermato politicamente come leader carismatico, un negoziatore affidabile, il quale aveva giurato fedeltà alla Legge dell’Uno e guadagnato la loro piena fiducia. Era stato preso di mira e sedotto dagli Ariani, e cadde vittima delle proprie ambizioni.

Nel periodo successivo, egli provò grande rimorso, e trascorse le esistenze successive tentando di porre rimedio all’errore. In verità non poteva prevedere il catastrofico epilogo, e si lasciò compromettere ciecamente dalle promesse di potere e posizione.

Miei Cari, così è l’illusione del potere. Vedete, quando si ottiene potere, quello che può sembrare giusto spesso è un’illusione dell’ego. Chi percorre il cammino della Padronanza di Sé deve alla fine decidere tra potere ed amore. Anche colui che chiamate Hitler pensava che lo scenario della razza sovrana avrebbe garantito un futuro migliore alla Terra, con una suprema rappresentazione fisica che fosse l’unica razza finale nella quale tutte le anime si sarebbero incarnate, alleviando la malattia, ed eliminando la divisione razziale avendo un’unica razza “Sovrana”. Anche colui che  chiamate Giuda nella vostra allegoria biblica pensava che, mettendo Jesua ben Josef in prigione, egli sarebbe stato costretto ad utilizzare i suoi poteri divini per svelare la Maestria di Sé al mondo! Invece il paradosso sta nel fatto che ciò che voi denominate “Potere” spesso è il polo opposto dell’amore. Capite come l’ego e il potere possano ingannare? Lo capite?

Pertanto attraverso il controllo governativo “legalizzato”, l’utilizzo del complesso energetico del cristallo e delle griglie passò sotto il controllo governativo nelle mani dei figli di Belial, e sfortunatamente fu una cosa irreversibile.

La seconda Luna di Atlantide

Quella conosciuta come la “Seconda Luna di Atlantide”, le griglie del campione cristallino e i cristalli di fuoco caddero sotto il controllo governativo, ed il loro utilizzo fu alterato contemporaneamente alla crescita del sapere ariano sulla loro programmazione. Gli Atla-Ra inizialmente riuscirono a rimandare l’utilizzo, ma nel tempo essi furono ostacolati.

Ora come abbiamo menzionato prima, quella che venne denominata la seconda luna di Atlantide, era in effetti un enorme satellite cristallino. Era di fattura  arturiana e veniva gestita dal Sacerdote Scienziato della Legge dell’Uno. Il satellite cristallino era un’enorme sfera disabitata di brillante ingegneria, il cui diametro era di circa cinque miglia. Era in uso dall’Età d’Oro di Atlantide, e serviva per una miriade di scopi benefici. Amplificava e controllava i vari raggi di cristallo inviati dai cristalli di fuoco, di guarigione e di energia. Era in un certo qual modo un macrochip computerizzato che deviava, amplificava e rifletteva dei raggi energetici potentemente purificati da utilizzare in agricoltura, nel controllo del clima, nel controllo delle maree, nei templi di guarigione, nei templi di rigenerazione e nei sistemi avanzati di linee energetiche generate dal sistema a posatore di cristallo. Si stagliava  nei cieli di Atlantide e appariva come una dorata luna “settembrina”, e fu pertanto conosciuta con il nome di Seconda Luna di Atlantide. Una caleidoscopica banda energetica iridata di plasma antigravitazionale ruotava circolarmente intorno alla sfera, e spesso appariva come quello che oggi voi chiamate aurora o luci settentrionali.  La luna del satellite di cristallo non orbitava intorno alla terra, si muoveva come fosse programmata ed autogestita e cambiava costantemente posizione al fine di compiere la miriade di compiti affidati al di sopra di Atlantide, dell’Africa e della costa orientale del Brasile.

Dopo che il complesso della Griglia Cristallina passò legalmente sotto il controllo federale Ariano, il gruppo di Belial integrò la propria tecnologia nel gruppo ingegneristico, sostituendo rapidamente capi di dipartimento in posizioni chiave con i loro. Gli Atla-Ra cercarono di bloccare il loro tentativo di riprogrammare il satellite per uso bellico, spiegando che un sovraccarico del satellite avrebbe dissipato il campo antigravitazionale che lo governava, causando uno schianto catastrofico. Lo scienziato ariano screditò l’affermazione. Alcuni degli Atla-Ra furono minacciati e destituiti, altri iniziarono a scomparire misteriosamente. Molti dei Poseidani si sentirono intimiditi e impotenti quando il consiglio governativo approvò il satellite come “arma strategica da difesa”, certi che avrebbe funzionato come programmato, mettendo rapidamente fine alle guerre di ribellione.

Lo scienziato di Belial, su approvazione del consiglio, riprogrammò un sistema deviato ed iniziò a inviare raggi distruttivi di luce termica, utilizzati per innescare eruzioni vulcaniche e potenti terremoti, contro le colonie e le nazioni che avessero rifiutato di rientrare sotto il  loro dominio. Questi vennero indirizzati nelle aree oggi conosciute come Grecia e Turchia, causando grande devastazione. Di fatto ciò concesse agli zelanti Ariani il vantaggio bellico che essi  così ardentemente desideravano, e ne incrementarono trionfalmente l’utilizzo, con l’appoggio di gran parte del popolo.



L’inizio della fine

La Luna di Cristallo iniziò a “sovraccaricarsi”, indebolendo il campo di antigravità che la faceva galleggiare. Gli Atla-Ra capirono le implicazioni di ciò che presto sarebbe accaduto quando il programma si sarebbe schiantato, tuttavia le loro suppliche al consiglio continuarono ad essere ignorate.

Dopo diversi mesi di prolungato utilizzo bellico, il satellite iniziò a sbandare senza direzione e a spostarsi, producendo blackout energetici. Gli instancabili tentativi di correggerlo non sortirono successo alcuno. Agli Atla-Ra venne chiesto di fornire il proprio supporto per correggerlo; molti si rifiutarono. Alcuni accettarono di tentare di stabilizzarlo per evitare il disastro imminente. Tutti i tentativi fallirono. Il consiglio rifiutò il suggerimento di incenerire il satellite, non credendo che esso si sarebbe schiantato, e minimizzando gli effetti di un impatto sino a quando ciò accadde.



Ricollocazione dei cristalli

Tyberonn & Oberonn riunirono un gruppo interno di devoti tra gli Atla-Ra e quelli della Legge dell’Uno per pianificare lo scollegamento del circuito e l’imminente ricollocazione dei cristalli di fuoco e di quelli energetici in vari luoghi “sicuri” prima dell’ imminente impatto del satellite originale. Ciò venne attuato con la tecnologia e l’assistenza di coloro che provenivano da Sirio B.

La ricollocazione dei preziosi cristalli fu molto rischiosa, e richiese un’attenta pianificazione e  grande segretezza. Questo doveva essere fatto prima dello schianto della “seconda luna”, e all’insaputa del consiglio governativo.

Simultaneamente altri membri fidati degli Atla-Ra operarono come forsennati per raccogliere dati in modo rapido e sicuro per registrare i cristalli, i teschi di cristallo e recuperare le registrazioni storiche incise da ricollocare in luoghi sicuri quali lo Yucatan, Alexandria e Giza. Questo venne attuato parzialmente e molto andò perduto.

Atlantide possedeva numerosi cristalli energetici collocati in tutte le 5 isole e lungo le vie specifiche di trasmissione del sistema labirintico sotterraneo. Gli Atla-Ra sapevano che una volta che la “scheda madre” modulata della luna satellite di cristallo avesse perso il suo campo antigravità, essa si sarebbe schiantata con un’enorme esplosione ed il suo schianto avrebbe successivamente causato distruzione ai principali posatori energetici di cristallo, creando esplosioni catastrofiche secondarie di livello nucleare per ore o giorni dallo schianto.

Gli Atla-Ra e i Siriani volevano essere certi che i cristalli originali non andassero distrutti o venissero utilizzati per scopi ulteriormente negativi, e che venissero salvati per un periodo nel quale l’uomo avrebbe potuto utilizzarli per quello a cui erano destinati. Essi sapevano che l’energia richiesta per trasportali sarebbe andata perduta dopo lo schianto, e che occorreva trovare un espediente con urgenza.

Sette degli enormi cristalli primari e due cristalli arturiani leggermente più piccoli ma straordinari vennero ricollocati all’interno dei sistemi di trasporto generale del sistema a tunnel sotterraneo con l’aiuto di Sirio B. Tre enormi cristalli primari vennero ricollocati nei campi di cristallo atlantidei dell’Arkansas, due furono posti nelle fabbriche di cristalli sotterranee del Brasile nelle aree di Bahia e Mineas Gerais, uno venne ricollocato nell’abisso sotterraneo al di sotto del Monte Shasta, e il grande cristallo di fuoco fu collocato in profondità nell’abisso al di sotto del Banco di Bimini nel Mar dei Sargassi. I due cristalli sacri arturiani vennero ricollocati negli abissi al di sotto dell’area di Tiajuanaco, Bolivia vicino al Lago Titicaca.

Tutti e nove vennero rinchiusi a livello dimensionale, essenzialmente disattivati in un sonno energetico mediante la tecnologia dei Siriani. Decine di altri Cristalli Originali andarono perduti.

Il resto, nel vostro gergo è storia, toccante storia andata perduta dalla vostra visione principale. Il paradosso della storia dimenticata è in realtà che essa contiene la più potente di tutte le lezioni.

Di fatto dopo alcuni mesi di utilizzo tecnologico come “raggio della morte” termico, il grande satellite di cristallo si sovraccaricò, il suo cuscino antigravità si indebolì e si schiantò alla velocità accelerata di un’enorme cometa con una terribile esplosione che devastò molta gravità originaria, indebolendo pesantemente la stabilità tettonica della placca atlantidea, e vaporizzando ingenti sezioni di substrato. Il grande satellite cristallino si frantumò in miliardi di frammenti cristallini, che oggi popolano le profonde fosse dell’Atlantico. Vennero liberate enormi nuvole di polvere e fumo, che andarono ad occultare il sole. Onde di terremoto e tsunami devastarono l’isola inviando gigantesche onde sui due terzi degli Ariani. Nel giro di pochi minuti le restanti stazioni energetiche esplosero con la potenza di bombe atomiche. Ai giorni nostri è possibile osservare i resti di una simile esplosione di una stazione energetica di cristallo nell’area del nordest del Brasile chiamata “Sete Cidades”.

Atlantide,  la costa orientale del Brasile e la costa occidentale dell’Africa vennero devastate da susseguenti terremoti. Il panico e la devastazione seguirono per 3 settimane mentre le restanti aree secche tremarono e pietre miliari crollarono in mare. Il ponte di terra che collegava Poseida e Og allo Yucatan rimase inizialmente al di sopra delle acque e fu letteralmente invaso da centinaia di migliaia di Atlantidei che tentavano follemente un esodo orribile pieno di panico. Ogni sorta di vascello marino fu invaso dai rifugiati terrorizzati che erano sopravvissuti.

E poi in un rantolo tremolante, le restanti terre s’inabissarono in mare. I marosi diffusi, che furono ricordati come il grande diluvio, inviarono decine di enormi tsunami che si riversarono sul Sud America, sull’Africa e sull’Europa.

E’ una scena che ha per molte molte vite tormentato ed offuscato la memoria di molti di voi, che di fatto vi presero parte. Miei Cari, ora è tempo di lasciare andare.

Intento e bene supremo

Molti di voi credono che ogni cosa accada come dovrebbe, come è “destinata” ad essere. Miei cari non è sempre così. Le cose accadono come devono, come una serie di svariati potenziali. E di fatto da una prospettiva superiore gli eventi avvengono come si “intende” debbano avvenire, accentuando l’intenzione del mondo. Voi siete creatori degli orizzonti degli eventi. Ma Miei Cari, gli eventi non avvengono nel bene supremo se voi non create il bene supremo. La Caduta di Atlantide non fu il bene supremo, e non lo sarà fintantoché voi non la ricreerete come tale.

Se tutto accadesse per il bene supremo, non vi reincarnereste. Nella accademia teatrale della “realtà” olografica vivete e rivivete ciclicamente sino a quando non imparate ciò. Riuscite a comprendere, Miei Cari?

Il tempo e la probabilità sono un bellissimo paradosso illusorio…. E questa è la ragione per la quale vi diciamo che l’Età d’Oro di Atlantide è in realtà un orizzonte evento dal futuro che avete riposto nel vostro “apparente” passato!



I Cristalli dell'Arkansas

Ed ora faremo un balzo di 12.500 anni, ed andremo a vedere il ruolo della colonia atlantidea ora conosciuta con il nome di Arkansas.

L’Arkansas fu scelto per diverse ragioni ed in particolare per ospitare tre dei principali mega cristalli.

1.     Veniva già utilizzato come miniera di cristallo e area di raccolta. Ne derivò uno dei tunnel primari interdimensionali da Poseida e fu reso possibile il trasporto di gruppi per trasferire i cristalli nell’area. Gli Atlantidei avevano sviluppato tecniche che consentivano di accelerare di molto la crescita dei cristalli ed esistevano profonde caverne presenti precedentemente che sarebbero state ben al di fuori del raggio che interessava la miniera.

2.    Si scoprì che il vortice in atto nell’area dell’Arkansas avrebbe svolto un ruolo primario nell’Ascensione planetaria del 2012.

3.     La peculiare geologia dell’Arkansas, costituita da quarzi, diamanti, magneti, ferro, pietra calcarea, ed enormi caverne ne costituirono una perfetta incubatrice per le colonie cristalline. I cristalli vennero impiantati e crebbero nell’Arkansas per migliaia di anni prima del diluvio. La presenza di metalli magnetici nei fondi di cristallo rese più semplice porre i maestosi cristalli atlantidei in uno stato di inattività all’interno delle strutture preesistenti.

4.     Esiste una colonia molto benevola di Lemuriani dalla pelle blu al di sotto dell’Arkansas, così come nella base sotterranea dei Siriani. I due si accordarono per prendersi cura dei cristalli disattivati.

Ora, i tre cristalli collocati nell’Arkansas sono pre-programmati con una griglia a rete che collega assialmente i restanti cinque enormi cristalli principali collocati in Brasile, Shasta, Bimini, e i due graziosi cristalli della sapienza collocati al di sotto del Lago Titicaca. Questi sono Cristalli speciali per la Guarigone, la Saggezza, l’Energia ed il Trasporto, utilizzati nel Tempio della Guarigione, nel Tempio del Suono e della Luce, nel Tempio della Conoscenza, nel Tempio dell’Uno, nel Tempio di Thoth, nel Tempio del Rubino di Fuoco e nel Tempio della Rigenerazione.

I cristalli vennero collocati in particolare nelle aree di grande importanza per la nuova Ascensione della Terra del 2012,  aree che erano facilmente accessibili attraverso il sistema del tunnel interdimensionale atlantideo, che emergerebbe come un mega vortice di punti infiniti nei vostri tempi attuali.

Questi verranno definiti e collocati alle seguenti date di attivazione:

Arkansas:

Cristallo Blu della Conoscenza (Interfaccia) 8-8-8

Cristallo Smeraldo della Guarigione 9-9-9

Cristallo Platino della Comunicazione (Interfaccia Bioplasmatico) 11-11-11

Banco di Bimini:

Cristallo dell’Energia del Rubino di Fuoco 12-12-12

Brasile:

Cristallo d’Oro della Cura Rigenerativa 9-9-9

Cristallo Viola del Suono 10-10-10

Monte Shasta:

Il Cristallo di Interfaccia Multidimensionale 9-9-9

Tiajuanaco-Lago Titicaca, Bolivia:

Cristallo Sole-Luna 9-9-9

Cristallo di Thoth 12-12-12

Nel 2008, ritorna il Cristallo Blu della Saggezza e della Conoscenza. Nel solstizio estivo esso attiverà un quarto della sua potenza. Per il termine prestabilito del 8-8-8, 8 agosto 2008, la griglia Cristallina 144 verrà messa in funzione per tre quarti, attivando di conseguenza metà della potenza del Cristallo Blu. Esso innescherà il programma di conto alla rovescia per il risveglio degli altri.

Ognuno si aprirà sui portali delle triplici date. Ognuno dipenderà dall’attivazione dei 4 restanti aspetti delle 12 stellature sulla griglia 144, il doppio penta-dodecaedro. Ora sono pienamente attive le prime 8 delle 12 sfaccettature della griglia.

Attivazione e riprogrammazione

Nulla sarà a pieno regime prima del 2012. Solo il Cristallo Blu della Conoscenza, il Cristallo Smeraldo della Guarigione e il Cristallo Sole-Luna saranno a pieno regime entro il 2012, gli altri necessiteranno di ulteriore tempo. Essi si risveglieranno avviando il processo di riattivazione, seguito da nuovi scarichi, e da riprogrammazione. Tale riprogrammazione avrà luogo in particolare con il cristallo di fuoco di Bimini, che non sarà pienamente attivo prima del 2020.

Le loro energie verranno trasmesse dalla frequenza Ascensionale del Cristallino Quantico e verranno collegate agli schemi energetici del Disco Solare Aureo, che rappresenta il nuovo progetto, il DNA, per così dire, della Griglia 144. L’effetto unificato del risveglio del cristallo, il completamento della griglia 144 ed il completamento del Disco Solare Aureo a 12 ellissi prepareranno la Terra alla preannunciata Ascensione, ed al nuovo pianeta del campo cristallino quantico.

L’effetto che questi cristalli avranno sarà inizialmente molto delicato, anzi questa sottile energia sarà immediatamente identificabile per coloro che sono in empatia. L’effetto sarà una grandiosa sensazione di benessere, in particolare all’interno dei vortici dell’Arkansas, del Lago Titicaca e di Bahia, in Brasile. A chi visiterà questi archi a vortice dei cristalli, sia in stato fisico o eterico, sarà offerta l’opportunità di potenziarsi con la conoscenza e la potenza dei loro codici cristallini. Fate comunque attenzione che il vostro quoziente di luce sia adeguato per assorbire questa frequenza.

La prima fase rappresenta la sapienza, e la seconda fase costituirà la guarigione eterica di Atlantide, ed il legame alla nuova Età d’Oro dell’umanità.

Vi sarà un rombo dorato che verrà a formarsi tra Brasile, Lago Titicaca, Arkansas e Monte Shasta e nel 2020 questo diverrà una stella a cinque punte, che creerà una rete globale di punti infiniti sul pianeta.

Il risveglio dei cristalli, che inizierà in Arkansas, aprirà il passaggio alla dimensione ricettiva che segna il ritorno dei fratelli stellari. Ritorno è una definizione errata, in quanto in realtà non vi è mai stata assenza. Piuttosto l’umanità aveva perso la capacità frequenziale di percepirla.



Conclusioni

I Cristalli Atlantidei aprono il passaggio eterico, i portali dimensionali che consentiranno alla vita umana basata sul carbonio di interfacciarsi con la vita bioplasmatica di altri. Dovete comprendere, Maestri, che voi esistete in entrambe all’interno del parallelo multidimensionale. Di fatto voi siete i Siriani, voi siete i Pleiadiani, voi siete gli Arturiani e molti ancora! Voi siete ogni scintilla multidimensionale del Maestro Creatore Dio! E’ così! Il passaggio si aprirà nel 2008 nel vortice cristallino dell’Arkansas, e quelli di voi che si connetteranno al cristallo blu potranno sperimentare la propria multidimensionalità, con molta gioia, con molta semplicità nel tempo, a mano a mano che svilupperete il quoziente di luce e l’impeccabilità nell’attuarlo. Non intendiamo dire che ciò avverrà senza fare del lavoro o senza la propria volontà, ma si aprirà a voi attraverso quella grandiosa abilità che conoscete da eoni.

Miei cari, all’interno del Vortice energetico dell’Arkansas, si trova un’energia cristallina come nessuna mai sperimentata dall’Età d’Oro Atlantidea 20.000 anni fa. All’interno della frequenza quantica cristallina potrete guarire ciò che deve essere sanato, aprire ciò che deve essere espanso, ed offrire uno strabiliante allineamento alla sapienza colma di benedizioni. All’interno di questa crescente energia potrete connettervi alla forza vivente cristallina che aiuterà la vostra espansione merkabica verso la vostra divinità multidimensionale. Verso il Sé Divino! E’ così, Miei cari, e quel tempo è ORA.

Maestri, è la fine dell’inizio! Il risveglio del sognatore!

Io Sono Metatron, e voi siete AMATI! Così sia.  ©

dal sito http://www.lightworker.it


Haryn
Admin

Messaggi : 583
Data d'iscrizione : 08.09.14
Età : 49

Vedere il profilo dell'utente http://alba.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Atlantide l'isola leggendaria

Messaggio Da liluye raggio di luna il Lun Gen 19, 2015 5:34 pm

wow!!!! che meraviglia....!!!! grazie

liluye raggio di luna

Messaggi : 290
Data d'iscrizione : 09.09.14
Età : 49
Località : seriate bg

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Atlantide l'isola leggendaria

Messaggio Da Haryn il Gio Gen 22, 2015 3:27 pm

Notizie che risalgono al 2014 e che iniziano a dar supporto alla presenza di Atlantide, il cui ritrovamento segnerà grande svolta al progresso evolutivo dell'umanità.
Le condivido con piacere...


Scoperta una grande piramide sommersa nelle Azzorre: una svolta nella ricerca di Atlantide?
La ricerca della leggendaria civiltà atlantidea, scomparsa nella notte dei tempi a causa di un cataclisma globale catastrofico, potrebbe essere ad una svolta. L'emittente televisiva pubblica del Portogallo (RTP) ha diffuso la sorprendente notizia della scoperta di una piramide sottomarina nelle acque delle Isole Azzorre. La ricerca di Atlantide è ad una svolta decisiva?
Le leggende sull’esistenza di una civiltà preistorica avanzata, denominata comunemente Atlantide, sono circolate fin dall’inizio della storia umana.
I ricercatori che si sono avventurati nella ricerca di indizi sulla sua esistenza hanno avuto sempre opinioni divergenti. Alcuni pensavano che si trovasse al centro dell’Oceano Atlantico, altri in Sud America, altri ancora nell’Oceano Pacifico.
Come ormai è noto, sono stati gli scritti di Platone a suggerire che i costruttori originali delle piramidi sul nostro pianeta fossero gli abitanti di un continente perduto situato ad ovest delloStretto di Gibilterra, ma i ritrovamenti megalitici in zone come Machu Pichu, Cuzco e Tiahuanaco hanno portato a pensare che gli Atlantidei provenissero dal Sud America.
Ma una scoperta davvero importante potrebbe portare ad una svolta decisiva nella ricerca della civiltà perduta. Un servizio trasmesso dalla televisione pubblica portoghese ha rilevato l’esistenza di una struttura piramidale sul fondo delle acque che circondano le Azzorre, nei pressi del vulcano Dom João de Castro Bank, tra le isole di São Miguel e Terceira.
La struttura è stata identificata dal navigatore Diocleciano Silva, sulla base delle letture batimetriche comparse sugli strumenti durante una navigazione ricreativa. L’autore della scoperta è convinto che la struttura piramidale non sia di origine naturale.
Secondo le misurazioni, la piramide è alta circa 60 metri, con una base di 8 mila metri quadrati (più piccola della Piramide di Cheope, pari a 53 mila metri quadrati). La struttura si trova a circa 40 metri sotto la superficie dell’oceano e risulta essere perfettamente allineata con i quattro punti cardinali, come le Piramidi di Giza.
Tanto è bastato da suscitare l’interesse da parte del governo portoghese il quale ha dichiarato che la questione è già in fase di studio con il supporto della Marina Portoghese.
Luiz Fagundes Duarte, segretario Regionale della Pubblica Istruzione, è prudente: tenuto conto della posizione della struttura, potrebbe trattarsi di una formazione di origine naturale.

Altre piramidi nelle Azzorre



Negli ultimi due anni, gli archeologi dell’Associazione Portoghese per la Ricerca Archeologica (APIA) hanno individuato nuove prove sull’Isola di Pico, confermando l’idea che l’occupazione umana delle Azzorre precede di molte migliaia di anni l’arrivo dei primi portoghesi.
Come riporta il Portuguese American Journal, i ritrovamenti si compongono di una grande varietà di strutture rocciose piramidali, alcune pari a 13 metri di altezza.

Gli archeologi ritengono che le strutture siano state realizzate dagli occupanti ancestrali dell’isola, suggerendo che potrebbe trattarsi di antichi luoghi di culto con scopi rituali funebri. Decine di strutture sono state trovate nella zona Madalena dell’Isola di Pico.
Gli archeologi ritengono che le strutture siano state costruite secondo un orientamento astronomico molto preciso, facendo riferimento ai solstizi d’estate, il che suggerisce che sono state realizzate per uno scopo preciso.
Inoltre, i ricercatori ritengono che le strutture piramidali di Madalena, conosciute dalla popolazione locale con il nome di “maroiços”, siano analoghe a quelle rinvenute in Sicilia, Nord Africa e Isole Canarie.

Azzorre: ciò che resta di Atlantide?

L’arcipelago delle Azzorre è una catena di nove isole vulcaniche divise in tre gruppi principali. Esse si trovano a 1500 chilometri ad ovest di Lisbona. Storicamente, c’è incertezza sulla data della loro scoperta e sul suo autore.
Le nove isole si estendono per più di 600 chilometri nel cuore dell’Oceano Atlantico; la terra più vicina è Madera, a 906 chilometri, mentre il Portogallo si trova a 1400 chilometri, e la Nuova Scozia a 2738 chilometri. Le Azzorre risultano essere le cime di alcune delle montagne più alte del pianeta, se misurate dalla base sul fondo dell’oceano.
La posizione dell’Arcipelago ha alimentato la leggenda che le Azzorre potrebbero essere ciò che rimane del grande continente Atlantideo.



Gli abitanti delle Azzorre raccontano volentieri la leggenda del misterioso continente di Atlantide, sprofondato dopo numerose e violentissime esplosioni, lasciando in eredità le nove isole. Queste leggende sembrano confermare i racconti di Platone contenuti nel Timeo e nelCrizia.
Tuttavia, gli scienziati ritengono che l’arcipelago sia il risultato di reiterate effusioni vulcaniche avvenute nel fondale marino e negano che qui sia mai esistito un continente. Lo stesso nome “Azzorre” sembra essere frutto di un equivoco.
Deriva infatti da “açor”, che in portoghese significa “astore”: gli esploratori riferirono di avere avvistato numerosi stormi di astori intorno ai monti delle isole; in realtà, non si trattava di astori, che qui non ci sono, ma di poiane.
In ogni caso, le Azzorre sono davvero isolate e distanti da tutto, proprio come si immaginava fosse Atlantide. Guardando queste terre incontaminate, ricche di vegetazione e laghi naturali, le leggende che si tramandano sembrano essere realtà.

fonte http://terrarealtime.blogspot.it

(settembre 2013)..Una notizia si sta insinuando sempre più insistente nelle ultime ore, tanto che se ne parla già come di una scoperta straordinaria. Sotto l’Oceano Atlantico, vicino alle isole Azzorre è stata ritrovata quella che appare come una gigantesca piramide.

Alta 60 metri, si estenderebbe su una superficie di addirittura 8.000 metri quadrati, vale a dire maggiore rispetto a quella di uno stadio di calcio. A diffondere questa notizia in Europa, la Radio e Televisione del Portogallo (RTP), che ha evocato il mistero di Atlantide, domandandosi se stia finalmente affiorando un pezzo di quella misteriosa civiltà di cui si parla fin da tempi antichissimi.

La notizia ha suscitato l’interesse della comunità scientifica internazionale e del Governo portoghese, che stanno ora indagando. La tv pubblica di Lisbona riporta che a segnalare la presenza di questo ritrovamento, sarebbe stato un marinaio portoghese, Diocletiano Silva, che con la sua nave si trovava nell’arcipelago delle Azzorre, composto fra l’altro da 9 isole, tra Terceira e San Miguel.

Grazie ad un dispositivo sonar, più precisamente un grafico barimetrico, strumento che scandaglia i fondali marini e fornisce informazioni sulla navigazione di superficie, Silva avrebbe individuato la “struttura”. La straordinaria scoperta sembra risalire a qualche mese fa, ma l’annuncio ufficiale è stato dato solo adesso.

La piramide è al momento oggetto di indagini anche da parte della Marina portoghese. “Ma – ha aggiunto Luiz Fagundes Duarte, segretario regionale per la Pubblica Istruzione- è da escludere che si tratti di un manufatto umano, vista la sua posizione, a circa 40 metri di profondità nell’oceano”.

Ma Silva la pensa diversamente e dopo averne studiato le caratteristiche peculiari, ha affermato al giornale locale Diario Insular: “Non credo proprio che sia di origine naturale, oltre che avere una base quadrata, infatti, la struttura sembra anche perfettamente definita ed è esattamente orientata rispetto ai punti cardinali proprio come la Grande Piramide di Giza. Potrebbe dunque essere la testimonianza, ormai sommersa dal mare, di una civiltà fiorente in epoche remote proprio alle Azzorre”.

Un’ipotesi, questa, coerente con gli ultimi scavi condotti dall’Apia, l’Associazione Portoghese della Ricerca Archeologica, che ritiene di avere trovato le prove della presenza di insediamenti umani già migliaia di anni fa, molto prima della scoperta ufficiale delle isole, datata al 1325. Ultimamente nell’arcipelago sono state ritrovate varie strutture piramidali protostoriche, alcune alte fino a 13 metri, allineate con il sorgere del sole nel solstizio d’estate.



L’anno scorso, poi, proprio a Terceira, sono emersi esempi di pittura rupestre molto antichi. Terceira, detta anche “l’isola lilla” si trova nel mezzo del Nord Atlantico, proprio in quel tratto di mare, al di là delle Colonne d’Ercole, oggi Stretto di Gibilterra, nel quale Platone aveva immaginato la mitica isola di Atlantide, scomparsa in un ribollire di acqua nel giro di un solo giorno, devastata da un terremoto e da un maremoto di dimensioni apocalittiche.

Nel corso degli anni, interpreti platonici e archeologi, hanno collocato la civiltà atlantidea un po’ ovunque, senza mai però trovare prove concrete della sua esistenza, mentre gli storici hanno considerato il racconto del filosofo greco soltanto una leggenda. “Eppure secondo me, è sicuramente il ricordo di un evento reale, non è un mito”, sostiene Graham Hancock, lo scrittore scozzese autore di alcuni libri nei quali ha cercato di penetrare i segreti del passato.

Ad annientare quella prima umanità fu l’improvviso innalzamento del livello dei mari provocato dalla fine dell’ultima Era Glaciale. Hancock ha accolto con entusiasmo il ritrovamento di questa presunta piramide sottomarina, che sembra confermare la sua teoria illustrata nei libri “Impronte degli dei”, del quale sta preparando una seconda stesura, e “Civiltà sommerse”.

Hancock ha infatti sostenuto che le terre sono coperte da 40-50 metri d’acqua, dovrebbero dunque essere state sommerse dalla grande onda dello scioglimento dei ghiacci avvenuto circa 12.500 anni fa.  Salta all’occhio che se davvero nell’oceano delle Azzorre è stato costriuita  un edificio a forma piramidale, dunque la sua costruzione deve necessaramente essere precedente alla data dell’onda.

La stessa data la incontriamo in Egitto con la proposta degli archeologi “eretici” per le Piramidi di Giza. Suggestione? Coincidenza? Soltanto gli esperti, coadiuvati da ulteriori ed approfondite analisi potranno dare l’ardua sentenza.

fonte http://oubliettemagazine.com/

Haryn
Admin

Messaggi : 583
Data d'iscrizione : 08.09.14
Età : 49

Vedere il profilo dell'utente http://alba.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Atlantide l'isola leggendaria

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum