Ibisco, la Rosa di Sharon

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ibisco, la Rosa di Sharon

Messaggio Da Haryn il Mer Dic 31, 2014 2:48 pm



Ibisco nelle Tisane

L'Ibisco (Hibiscus sabdariffa L.), conosciuto con il nome di Carcadè o Tè rosa dell'Abissinia, è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Malvaceae.

Il Carcadè è originario delle Indie occidentali, ma è diffuso anche in Asia (India, Sri Lanka) ed Africa (Etiopia, Sudan).

L'Ibisco viene usato in fitoterapia ad uso interno per le sue proprietà rinfrescanti, dissetanti, lassative, diuretiche, vitaminizzanti, angioprotettrici ed antinfiammatorie, mentre per uso esterno vanta proprietà lenitive.

L'Ibisco trova quindi impiego per uso interno nel trattamento della stipsi e delle turbe epatiche. Per uso esterno, l'Ibisco è adatto come lenimento per le pelli infiammate. L'Ibisco può essere usato assieme a Rusco, Malva, Ippocastano, Calendula e Mirtillo.

Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia sono i fiori, ma in certe preparazioni erboristiche vengono usati anche foglie, semi e radici. L'olio essenziale, ricavato dai semi di Ibisco, ha proprietà ipocolesterolemizzanti in quanto è ricco di acidi grassi essenziali e vitamina E. Le foglie dell'Ibisco, oltre ad essere consumate in insalate, hanno proprietà rinfrescanti, emollienti, sedative e diuretiche. I fiori hanno un'azione diuretica e antirughe e possono rientrare nella preparazione di salse, gelatine, marmellate e vini. Le radici dell'Ibisco, grazie al loro sapore amaro, vengono impiegate nel settore liquoristico nella produzione di amari. I principi attivi caratterizzanti sono: acidi organici (acido ibisico, acido citrico, acido ossalico, acido tartarico, acido malico), antociani, acido ascorbico, tannini, mucillagini e fitosteroli.

Ibisco: modo d'uso, dosaggi, formulazioni ed impiego nelle tisane

Nella moderna fitoterapia l'Ibisco viene utilizzato sottoforma di estratti secchi, infusi, polveri e tintura madre. Le relative dosi di assunzione normalmente consigliate sono pari a 1,5 grammi di droga Ibisco in 150 ml di acqua bollente (infuso), un cucchiaio da minestra in un litro d'acqua bollente (infuso), 50 mg di estratto secco di Ibisco per capsula (1-2 capsule per tre volte al giorno), 40 gocce di Ibisco tintura madre due volte al dì.

L'Ibisco non presenta particolari effetti collaterali alle comuni dosi terapeutiche, a meno che non ci sia un'accertata ipersensibilità del paziente ad uno o più principi attivi contenuti nella droga.

A scopo cautelativo l'impiego dell'Ibisco è sconsigliato in gravidanza ed in allattamento.

L'impiego dell'Ibisco nelle tisane trova spazio per le sue proprietà rinfrescanti, dissetanti, lassative, diuretiche, vitaminizzanti, angioprotettrici ed antinfiammatorie. Tipico della medicina popolare, l'Ibisco viene utilizzato nelle tisane come dissetante, rimineralizzante e diuretico; mancano tuttavia adeguati studi clinici che ne confermino l'efficacia terapeutica. Inoltre, le preparazioni erboristiche tradizionali come tisane, infusi, succhi e decotti, non permettono di stabilire con esattezza la quantità di principi attivi somministrata al paziente, il che aumenta il rischio di insuccesso terapeutico. In una tisana, infatti, le quantità di principi attivi estratti possono essere eccessive o più comunemente insufficienti, oltre al rischio di estrarre anche componenti indesiderate.



Nome alternativo: Rosa malva.

Nome botanico: Hibiscus

Varietà comune: Altea, conosciuto come Rosa di Sharon o Ibisco syriacus

Proprietà energetiche: favorisce la coesione, la solidarietà, la pace e la felicità.

Arcangeli corrispondenti: Raziel e Chamuel.

Chakra corrispondenti: radice, cuore e corona.

Descrizione di guarigione: non c’è da meravigliarsi se gli hawaiani sono stati a lungo associati all’Ibisco.

Il messaggio fondamentale di questo fiore è quello della solidarietà: lo spirito hawaiano in sintesi. L’Ibisco ti ricorda che essere in compagnia di altre persone è molto meglio che stare soli. E’ vero che ci basta una persona per fare la differenza, ma tale differenza può essere amplificata quando siamo circondati da persone a noi simili. L’Ibisco avvicina le famiglie, ma la sua energia va ancora più in profondità. Raggiunge il livello dell’anima per ricordarci che proveniamo tutti dallo stesso Creatore e dalla medesima Fonte.


Hibiscus o Rosa di Sharon

Messaggio veicolato dall’ Ibisco: “Consentimi di avvicinarti agli altri, e lascia che vi unisca. Ti condurrò in un luogo perfetto, caratterizzato da armonia e fratellanza. Impara ad entrare in sintonia con l’energia Divina della coesione e dell’unità. Immagina per un momento di essere titalmente felice ed in pace. Poi immagina che questa tua condizione diffonda la pace in mezzo agli altri, unendo la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi colleghi e anche le persone che passano per strada. Camminare lungo un percorso personale di gioia e pace ti conferirà la straordinaria capacità di guarirti e di guarire gli altri. Se tu sarai felice, lo saranno anche le persone che ti circondano. Ti incoraggio a prendere coscienza di questo legame, e a usarlo in maniera tale che il Pianeta possa trarre vantaggio dalle tue energie d’amore.”



dal sito [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Incuriosita dal nome "Rosa di Sharon" ho cercato...e..ho trovato.
Condivido, perchè merita davvero...
Haryn


In un versetto biblico, “Io sono la rosa di Sharon, il giglio delle valli” (Cantico dei Cantici 2:1). A
pronunciare queste parole era lo sposo, che sappiamo essere figura di Cristo. Pertanto “rosa di Sharon” e “giglio delle valli” sono considerati nomi di Gesù. Ma che significa “rosa di Sharon”?
Sharon è una valle molto fertile nelle vicinanze del monte Carmelo e del mar Mediterraneo, e i fiori di questa valle sono rinomati per bellezza, fragranza, dimensioni. Non tutti i commentatori sono d'accordo nel tradurre il fiore di quel versetto con “rosa”, ma non è questo che conta: l'idea che c'è dietro è comunque quella di un fiore prezioso, pregiato, la cui provenienza lo fa distinguere a vista d'occhio da fiori della stessa specie che però non provengono da Sharon. La rosa di Sharon è unica, come Gesù era, è e sarà l'unico mediatore fra Dio e l'uomo. Preziosa è la rosa di Sharon, prezioso è il sangue di Cristo; rinomata
la rosa di Sharon per il suo profumo intenso, rinomato è Gesù per le sue parole di vita eterna.

dalla rete
avatar
Haryn
Admin

Messaggi : 583
Data d'iscrizione : 08.09.14
Età : 49

Vedi il profilo dell'utente http://alba.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ibisco, la Rosa di Sharon

Messaggio Da Haryn il Lun Mar 16, 2015 4:16 pm

Un'altra splendida varietà di questo meraviglioso fiore...l'ibisco!

avatar
Haryn
Admin

Messaggi : 583
Data d'iscrizione : 08.09.14
Età : 49

Vedi il profilo dell'utente http://alba.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ibisco, la Rosa di Sharon

Messaggio Da Haryn il Mer Mar 25, 2015 3:28 pm



Fiery Furnace Ibiscus..... non è meraviglioso??
avatar
Haryn
Admin

Messaggi : 583
Data d'iscrizione : 08.09.14
Età : 49

Vedi il profilo dell'utente http://alba.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ibisco, la Rosa di Sharon

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum